LUCA SERASINI | PROGETTO COSTELLAZIONI 

Prologo 3/4 – La visita a VIRGO/the VIRGO visit

20190920 111450 cropA Cascina, in provincia di Pisa, a 30 km da dove abito abbiamo la fortuna di ospitare uno dei 4 rilevatori di onde gravitazionali presenti sulla Terra (gli altri 2 sono negli USA, uno nuovo è in costruzione in Giappone) ed era quindi arrivata l’ora di confrontarmi con questi aspetti fino ad allora a me sconosciuti. Sono andato a visitare Virgo (questo è il nome dell’interferometro) e l’Ing. Valerio Boschi dell’INFN mi ha fatto da guida e descritto i vari aspetti sul funzionamento del rilevatore.
Veramente affascinante.
Fantastico.
Stimolante.


Nei giorni successivi mi sono “costellato” di idee ma mi è servito circa un anno per “quagliare” su un’idea (per me) valida: un lavoro di land art dedicato alle Frange d’interferenza, cioè alla figura geometrica che deriva (riporto da Wikipedia che sennò non sarei capace) dalla sovrapposizione di 2 onde. Senza farmi venire un mal di testa vi rimando alla pagina Wikipedia sull’interferometria e se proprio avete voglia di capire più a fondo cosa siano vi basterà comunque andare a visitare Virgo per vedere un modellino che descrive in maniera efficace il funzionamento dell’interferometro e osservare il disegno geometrico di una frangia d’interferenza, che è quella che realizzerò in un terreno vicino Virgo.

20190920 101350 low 

Sull’importanza della rilevazione delle onde gravitazionali

Prima di riportare alcuni passaggi di un interessante articolo di Stefano Pisani della rivista Micron vi dico quello che so io: immaginate 2 buchi neri (non noccioline) che già immaginarli non è proprio così semplice, ma immaginateli. Pensate che i due buchi neri ruotino uno intorno all’altro sempre più vicini e poi si fondino insieme. Ecco, dalla fusione di questi buchi neri, da questo vero e proprio “evento cosmico” nasce (oltre ad un buco nero più grande) un’onda gravitazionale… Qui i passaggi di cui dicevo, ma la bibliografia è sconfinata: “L’aspetto più importante di questa scoperta, a mio avviso, è il fatto che siamo riusciti a trovare dei buchi neri per la prima volta…” “…Potrebbe verificarsi una vera e propria rivoluzione che potrebbe portare anche al superamento della stessa Teoria della Relatività…” “La prima prova diretta dell’esistenza delle onde gravitazionali era considerato uno dei santi Graal della fisica…” Qui il link all’intero articolo.

 

 

In Cascina, in the province of Pisa, 30 km from where I live we are lucky enough to host one of the 4 gravitational wave detectors present on Earth (the other 2 are in the USA, a new one is under construction in Japan) and it was therefore time to confront these aspects unknown to me. I went to visit Virgo (this is the name of the interferometer) and Ing. Valerio Boschi of INFN guiding me and described the various aspects of the operation of the detector.
Really fascinating.
Fantastic.
Stimulant.
In the following days I had many many ideas but it took me about a year to decide on an idea (for me) valid: a land art work dedicated to the interference’s fringes, that is, to the geometric figure that derives (I report from Wikipedia that otherwise I would not be able) from the overlap of 2 waves. Without giving me a headache I refer you to the Wikipedia page on interferometry and if you really want to understand more deeply what they are you just have to go and visit Virgo to see a model that effectively describes the functioning of the interferometer and observe the geometric design of an interference fringe, which is what I will realize in a cultivated field near Virgo.

On the importance of gravitational wave detection.

GW log

(WATCH THE VDEO) I tell you what I know: imagine 2 black holes (not peanuts) that already imagine them is not really that simple, but imagine them. You think the two black holes rotate around each other closer and closer together and then they collapse. Here, from the fusion of these black holes, from this real "cosmic event" a gravitational wave is born (in addition to a larger black hole...) Here the passages of an article by Stefano Pisani, Micron newspaper, but the bibliography is boundless: "The most important aspect of this discovery, in my opinion, is the fact that we were able to find black holes for the first time..." "... There could be a real revolution that could also lead to the overcoming of the theory of relativity itself ..." "The first direct evidence of the existence of gravitational waves was considered one of the holy grails of physics..."

© Luca Serasini | info (at) lucaserasini.it | +39 347 7574083

In partnership with:

M logo

logo

LOGO Over The Real

logo Gennai